Incentivo del 2% per i progettisti PA

OK incentivo del 2% per i progettisti PA se la progettazione è stata svolta prima dell’entrata in vigore del Nuovo Codice Appalti. I chiarimenti Anac

L’incentivo del 2% va riconosciuto ai progettisti della PA per i progetti antecedenti al nuovo Codice Appalti.

A seguito di alcune richieste di chiarimento, l’Anac ha fornito (comunicato del 6 settembre 2017) delucidazioni in merito all’applicabilità temporale dell’incentivo del 2% per le attività professionali svolte da personale interno.

In base al vecchio Codice dei contratti (dlgs 163/2006), l’incentivo era ripartito tra il responsabile del procedimento e gli incaricati della redazione del progetto, del piano della sicurezza, della direzione dei lavori, del collaudo, nonché tra i loro collaboratori.

Il nuovo Codice Appalti (dlgs 50/2017), invece, ha di fatto abolito l’incentivo del 2% ai progettisti interni alla PA, destinandolo alle attività di programmazione della spesa, controllo delle procedure, direzione dei lavori, verifiche di conformità e collaudo.

Per le procedure che si sono svolte tra vecchio e il nuovo Codice Appalti, sarà compito del dirigente accertarsi quando il progettista ha svolto la sua attività.

Comunicato Anac

Con il comunicato del 6 settembre 2017, l’Anac ha chiarito come procedere per valutare se i progettisti interni alla PA hanno diritto o meno all’incentivo del 2%.

La regola generale del settore degli appalti pubblici stabilisce che si applicano le norme vigenti al momento della pubblicazione del bando di gara; ciò non vale per la progettazione. La programmazione della spesa e la valutazione dei progetti intervengano, infatti, in una fase precedente all’avvio della procedura di selezione dell’aggiudicatario.

Pertanto l’Anac ha chiarito che:

le disposizioni di cui all’art. 113 del nuovo codice dei contratti si applicano alle attività incentivate svolte successivamente all’entrata in vigore del Codice. 

In definitiva, bisogna tenere in considerazione il momento in cui il progettista ha svolto l’attività di progettazione: se è avvenuta prima del 19 aprile 2016, cioè quando è entrato in vigore il Nuovo Codice Appalti, l’incentivo del 2% va riconosciuto.

Non rileva nulla se il bando è stato pubblicato dopo quella data.

 FONTE: Biblus-net